Commenta

Terzo Polo al lavoro,
ma Capetti
non ci sta più

Pronto alla ripartenza, dopo la sconfitta elettorale, anche il Terzo polo, che l’altra sera si è riunito per stendere una strategia per riconquistare gli elettori. Un incontro al quale ha preso parte anche il candidato sindaco del centrodestra, Antonio Agazzi e alcuni consiglieri uscenti del Pdl, che, spiega il segretario dell’Udc, Martino Boschiroli, “sono interessati a costruire un progetto di aggregazione, un polo moderato con ideali vicini al Ppe”.

L’intenzione è di far partire un progetto nato una ventina di giorni prima delle elezioni coinvolgendo il maggior numero di persone possibile. “Noi vogliamo esserci per discutere con i cittadini dei problemi della città, anche perché mi sembra che ne siano già sorti parecchi: vedremo come il sindaco Bonaldi affronterà certi temi etici. Noi proporremo un rinnovamento, ma su questi temi saremo ben radicati”. Una ventina di persone quindi pronte a lavorare e rimettersi in gioco per la città. Chi siano gli ex consiglieri comunali del Pdl non è dato a sapere, anche se c’è chi azzarda qualche nome come Fulvio Lorenzetti e Federico Pesadori.

Assente invece Luciano Capetti, esponente storico dell’Udc, ex assessore e pronto qualche mese fa ad abbandonare la coalizione per proporre una candidatura in proprio. Progetto naufragato per volere dello stesso, che a qualche settimana dalle elezioni ha preferito appoggiare la candidatura di Antonio Agazzi, anziché proporre una sua candidatura alternativa. Se non poi pentirsene una volta visti i risultati elettorali. Parole nelle quali c’era già inscritto un suo allontanamento dal gruppo cremasco del Terzo Polo.

“Sono in anno sabbatico”, risponde infatti l’ex assessore alla richiesta di spiegazioni in merito alla sua assenza. “Per ora preferisco non partecipare a nessuna riunione, poi in futuro si vedrà”, aggiunge. Ma ormai sembra chiaro un allontanamento dai rappresentanti del Terzo Polo locale, che senza dubbio, era nell’aria da qualche mese. Chiaramente la pesante sconfitta elettorale ha causato delle crepe anche nell’area più moderata.

 
©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti