Cronaca
Commenta

Bomba alla scuola a Brindisi,
in piazza Duomo presidio
a tutela della democrazia

Tanti i cremaschi che nel pomeriggio di sabato hanno aderito al presidio spontaneo in difesa della democrazia che si è tenuto in piazza Duomo.

IL VOLANTINO DEL PD

“Dopo settimane durante le quali si sono registrati in tutto il Paese numerosi atti di violenza e di intimidazione, oggi l’Italia assiste sgomenta ai tragici effetti del barbaro attentato di Brindisi”, si legge nel volantino diffuso dal coordinatore del PD Cremasco Matteo Piloni.
“È ormai evidente che organizzazioni criminali ed eversive di diversa natura stanno alzando il livello della loro iniziativa e producono azioni dichiaratamente terroristiche.
Strategie criminali e deliranti strategie politiche vogliono approfittare del disagio e della sofferenza che il Paese vive. Il loro obiettivo è quello di rafforzarsi e di rendere più stringente il loro ricatto sulla democrazia e sulla società – scrive Piloni – in una fase di debolezza del tessuto sociale e democratico. Bisogna ricordare quanto il nostro Paese abbia già pagato alla violenza; bisogna affermare con forza che la violenza ci ruba il futuro; bisogna isolare, con i comportamenti e con la chiarezza delle parole, chi coglie l’occasione dalle debolezze della nostra democrazia non per riformarla ma per minarne le fondamenta”.

CITTADINI E POLITICI DI TUTTI GLI SCHIERAMENTI

Tante anche le personalità politiche dei vari schieramenti, i rappresentanti del mondo del volontariato e dell’associazionismo, oltre ad alcuni amministratori del cremasco, che non hanno voluto mancare per testimoniare dolore, vicinanza e rifiuto di ogni forma di violenza.
Tra gli altri, il sindaco Stefania Bonaldi, l’assessore provinciale all’Istruzione Formazione e Lavoro Paola Orini, la senatrice Cinzia Fontana, il consigliere regionale Agostino Alloni, l’ex vice sindaco Massimo Piazzi, i consiglieri comunali Antonio Agazzi, Vincenzo Cappelli, Emanuele Coti Zelati, Christian Di Feo, Matteo Piloni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti