Cronaca
Commenta

Scelti i vincitori di “Racconta la tua favola”
il 13 maggio la premiazione dei sei racconti
scelti da professori e ragazzi dello Sraffa

Novanta aspiranti scrittori con la voglia di fantasticare: il concorso “Racconta la tua favola” ha selezionato i sei vincitori dell’edizione 2012. L’iniziativa proposta dall’associazione culturale cremasca “Passe-Partout” è giunta al quarto anno di vita e con il 2012 diventerà a cadenza biennale; il concorso ha l’obiettivo di promuovere e divulgare la passione per la scrittura e la lettura coinvolgendo appassionati di tutte le età.

IN GIURIA PROFESSORI E STUDENTI

All’associazione sono pervenuti una novantina di componimenti provenienti da tutta Italia, scritti soprattutto da adulti, selezionati daManuela Zagni,  Mario CarucciMaria Luisa Zaninelli, tre professori affiancati dai ragazzi della  2°A sociale dell’istituto P.Sraffa di Crema. La premiazione delle favole vincitrici è prevista per domenica 13 maggio alle ore 16, al più presto l’associazione confermerà se presso la Sala della Musica dell’ex Folcioni o al Teatro San Domenico; ai tre vincitori della sezione ragazzi andranno 200 euro, 300 per i tre giovani scelti e 400 per il primo classificato della categoria adulti. Oltre ai premi in denaro verranno consegnate le medaglie del patrocinio della presidenza del Senato, della Camera e l’alta onorificenza del Presidente della Repubblica.

NOVANTA FAVOLE DA TUTTA ITALIA

Scegliere le sei fiabe migliori tra novanta componimenti non è stata cosa facile: oltre ai lavori premiati, la giuria ha deciso di pubblicare nel volume dedicato al concorso i componimenti che hanno saputo colpire per intensità o originalità: “La favola è proiezione di qualcosa di interiore che riesce ad esprimersi solo attraverso il racconto di fantasia, spesso partendo proprio da tematiche quotidiane”, spiega il professor Carucci; ciò che più ha colpito la giuria è stata la volontà di ragazzi e adulti di affrontare temi di stretta attualità come gli infortuni sul lavoro o l’anoressia e rielaborarli attraverso la favola. Alcune pubblicazioni verranno donate al reparto di pediatria dell’Ospedale Maggiore di Crema, nell’ambito del progetto “La favola come tearapia”.

l.g.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti