Cronaca
Commenta

Rifiutando festeggia i 10 anni di vita
all’Ecofesta partecipano 2500 bambini
con canti, balli e una grande scenografia

Rifiutando festeggia il decimo compleanno con un’Ecofesta dedicata a tutti i bambini. Alla vigilia della grande raccolta 2012 che anche quest’anno mobiliterà oltre 11 mila persone, oggi pomeriggio le 60 scuole partecipanti si sono riunite al Campo di Marte per un pomeriggio di divertimento dedicato all’ambiente.

LE ORIGINI DI “RIFIUTANDO”

La manifestazione contro l’abbandono dei rifiuti è nata dieci anni fa con l’appoggio dei Sindaci del cremasco, raccogliendo via via nuove adesioni e collaborazioni; l’esperimento ha funzionato, e nel corso degli anni è arrivato a coinvolgere oltre 11 mila persone e raggiungere una sensibilità verso ambiente e raccolta differenziata che annovera il nostro territorio tra i più efficienti in Italia. La manifestazione si è focalizzata sulle attività didattiche proposte alle scuole di diverso ordine e grado che ogni anno partecipano alle tante iniziative di educazione e sensibilizzazione all’ambiente.

CANTI, BALLI E UNA GRANDE SCENOGRAFIA

Lungo tutta la superficie delle Mura venete che racchiudono a nord il Campo di Marte è stata allestita una scenografia lunga 90 metri e ispirata al quadro di Chagall “Il Viaggiatore”, su libera interpretazione di Fabrizia Pagotto. La parete colorata è composta da ben 60 quadri, uno per ogni scuola presente, dipinti dai bambini durante gli scorsi mesi. Oltre 2500 bambini, contraddistinti da magliette colorate, si sono raccolti nel grande prato ai piedi delle Mura e hanno interpretato cinque canzoni con canti e coreografie; Il primo è stato “La mia città” realizzato da Roberto Piumini e adattato da Piero Lombardi, seguito dal canto popolare “Fiume” e dalle tre canzoni composte dalle 60 scuole: “L’ambiente sei tu” per le scuole dell’infanzia, “Sento un grido” per le scuole primarie e “Il Rifiutando”, realizzata con il contributo delle scuole secondarie di primo e secondo grado.

l.g.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti