Cronaca
Commenta

Alle politiche sociali in arrivo
30 mila euro dalle Farmacie Comunali
Capetti: “È una boccata di ossigeno”

Amministrazione Comunale di Crema e Azienda Farmacie Municipali insieme, per dare qualche risposta in più in tema di politiche sociali: questo l’oggetto di una conferenza stampa alla quale oltre all’assessore ai servizi sociali Luciano Capetti, era presente il presidente AFM Lorenzo Perolini.

IL RINGRAZIAMENTO AL CDA DELL’AFM

L’assessore Capetti ha voluto subito esprimere un ringraziamento per l’attività svolta dall’azienda presieduta da Luciano Perolini: “Questo CdA ha lavorato bene e lo testimonia il fatto che ora si raggiunge non solo il cremasco, ma anche il territorio cremonese”.
Ma la soddisfazione maggiore per capetti sono i 30mila euro che dalle Farmacie Comunali, andranno nelle casse del suo assessorato, rappresentando “una boccata d’ossigeno”.

CIFRA AGGIUNTIVA

Questo consente all’assessore Capetti di rimarcare ancora una volta, le difficoltà economiche di questi ultimi mesi, difficoltà che non hanno impedito l’impegno alla ricerca delle risorse necessarie, per far fronte alle tante esigenze delle politiche sociali.
Il presidente Perolini, da parte sua, sottolinea il fatto che l’Azienda che rappresenta ha sempre cercato di produrre dei benefici e la destinazione di questi 30mila euro ne sono la conferma: “Questi 30mila euro per interventi assistenziali, in una situazione problematica per i comuni, rappresentano un’opportunità per poter procedere ad interventi integrati di assistenza domiciliare – ha detto Perolini – da destinari ad anziani e disabili parzialmente autosufficienti. Non è una grande cifra – ha concluso il presidente AFM – ma qualcosa si può fare, ed è comunque una cifra aggiuntiva, da noi fortemente voluta”.

DOPO L’ESTATE FARMACIA A SANTA MARIA

Intanto con l’apertura di altri due punti vendita a Gallignano e a Costa S. Abramo per il comune di Castelverde, in totale le Farmacie dell’AFM passano da due a cinque, ma da ora in avanti, occorrerà fare i conti con le novità normative derivanti dalle liberalizzazioni: “Ad esempio, noi non possiamo partecipare al bando per la nuova Farmacia di Santa Maria, ci sarà un concorso pubblico solo per titoli e il privato che risulterà vincitore, aprirà la farmacia, presumo – conclude Perolini – dopo l’estate”.

I TAGLI SI FANNO SENTIRE

Concludendo Luciano Capetti da qualche numero: nel 2011 il budget del suo assessorato ammontava a 321mila euro di cui 85 provenienti dal Piano di Zona.
Nel 2012 invece, i tagli sono stati importanti, anche come conseguenza dell’azzeramento del Fondo Nazionale per la non autosufficienza: in tutto un budget di circa 258mila euro, ma gli utenti dovrebbero mantenersi in linea rispetto a quelli dello scorso anno.
“Spero che tutti i candidati alla carica di sindaco – ha concluso Capetti – si facciano carico dei problemi di carattere sociale, perché ci sono segnali allarmanti anche per il 2013”.

Ilario Grazioso

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti