Cronaca
Commenta

Due predoni delle ville
cadono nella rete dei Carabinieri
dopo aver colpito in una villa di Vaiano
I ladri, di origine albanese, bloccati
a Spino su una Lancia Y imbottita d’oro

Arrestati due predoni delle ville. L’operazione è stata portata a termine in mattinata dai Carabinieri della Compagnia di Crema, che hanno fatto scattare le manette ai polsi di un pericoloso pluripregiudicato di origine albanese e del suo complice. I due sono stati fermati nel cuore della notte da un equipaggio del Radiomobile pochi minuti dopo aver messo a segno il colpo in un’abitazione di Vaiano Cremasco. Si tratta di Eduart P., 37 anni, già conosciuto nel nostro territorio dove risulta abbia vissuto per qualche tempo sul finire degli anni Novanta, a Chieve, prima di darsi alla latitanza perché colpito da un mandato di cattura internazionale e Edison R., 45 anni, pure lui soggetto già noto alle forze dell’ordine. Gli uomini del capitano Antonio Savino hanno formalizzato nei loro confronti una denuncia per ricettazione e possesso ingiustificato di grimaldelli.

IL RAID IN VILLA

Quando, intorno alle 5, sono stati bloccati dai militari all’altezza di Spino d’Adda, i due albanesi, a bordo di una Lancia Y, molto probabilmente stavano cercando di raggiungere l’area milanese. È in un vano sotto la leva del cambio che i carabinieri hanno recuperato la refurtiva: bracciali in oro giallo e bianco, collane e monili di altro genere per un valore complessivo di circa 5mila euro. Una perquisizione resa possibile anche dalla tempestiva chiamata del proprietario della villetta al 112, per un furto subito poco prima. I due ladri, infatti, senza svegliare l’uomo, la moglie e la figlia erano riusciti a forzare la porta d’ingresso dell’abitazione e muovendosi con circospezione, una volta impossesatisi dell’oro, se n’erano andati indisturbati.

LA LANCIA Y

Determinante nel portare a termine l’ennesima brillante operazione degli uomini della Compagnia di Crema, gli approfondimenti disposti sull’autoveicolo, intestato, come altre 120 vetture, a un noto prestanome del pavese.

PRECEDENTI

Eduart P., già ricercato per associazione per delinquere dedita ai furti, era stato arrestato nel 2009 dopo una decennale latitanza, ma lo scorso anno è tornato in libertà. Edison R., invece, uomo dagli innumerevoli alias, risulta fotosegnalato già 21 volte. I due, rinchiusi nel carcere cremonese di Cà del Ferro, sono a disposizione dell’autorità giudiziaria.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti