Cronaca
Commenta

Sette candidati sindaco, 18 liste
oltre 400 aspiranti consiglieri:
numeri record per le prossime elezioni

Sette candidati sindaco, 18 liste, oltre 400 aspiranti consiglieri. Sono i numeri record delle prossime elezioni comunali di Crema del 6 e 7 maggio. Alle 12 è scaduto il termine utile per la presentazione delle candidature e le sorprese non sono mancate. A cominciare dal settimo pretendente alla poltrona che è ancora di Bruno Bruttomesso: Andrea Bergami. È lui, infatti, il leader della lista civica Intraprendere per Crema, l’ultima in ordine di tempo a formalizzare la propria richiesta all’ufficio del segretario comunale Giuseppe Cattaneo. Va sottolineato che la commissione elettorale è riunita proprio in queste ore, dunque l’ufficialità dell’ammissione alla competizione di maggio manca ancora per tutti, ma difficilmente la sostanza delle cose potrà cambiare. Allora passiamo in rassegna gli schieramenti al via, ricordando che oltre al sindaco sono solo 24 i posti a disposizione per entrare a far parte del prossimo consiglio comunale.

I CANDIDATI SINDACO

Il centrosinistra sostiene Stefania Bonaldi con ben 9 liste: Partito Democratico, Rifondazione Comunista, Lavoro@Impresa, Obiettivo Crema, Crema Bene Comune, Crema Crea, Italia dei Valori, Sinistra Ecologia Libertà, Buongiorno Crema. Antonio Agazzi nel centrodestra può invece contare su: Pdl, Crema Futura, Terzo Polo e Lista Civica Agazzi Sindaco. Tentano la corsa solitaria Alberto Torazzi (Lega Nord), il Movimento 5 Stelle con Alessandro Boldi, Andrea Bergami (Intraprendere per Crema), Giuseppe Buttino (Genitori Sempre) e Gianemilio Ardigò (Verdi).

SCHIERAMENTI

IL CENTRODESTRA

C’era attesa per conoscere i nomi del Popolo della Libertà, che ancora deve presentare ufficialmente la propria lista. In cima a tutti c’è Renato Ancorotti, che con Maurizio Borghetti (presente al numero 6 dell’elenco), ha sfidato Agazzi nelle primarie. Nella squadra del Pdl anche 4 attuali assessori di Bruttomesso (Simone Beretta, Paolo Mariani, Massimo Piazzi e Laura Zanibelli), il capogruppo Giovanni Palumbo, diversi consiglieri uscenti (Elia Avaldi, Lodovico Doldi, Fulvio Lorenzetti, Antonio Patrini, Roberto Persico e Emilio Pini) e l’assessore provinciale Paola Orini. Non passano inosservate le candidature di Roberta Giubilo e Luigi Tajè. “Agazzi Sindaco”, la civica che fa riferimento diretto al candidato sindaco del centrodestra, può contare sull’esperienza di Federico Pesadori, il ritorno alla politica attiva di Stefano Conz e altri nomi “pesanti” del calibro di Gianmario Donida (vicepresidente della Fondazione San Domenico), Paolo Votta, Tiziana Guadagnini, Francesca Melillo. Luciano Capetti è rientrato nei ranghi e corre con il Terzo Polo. L’assessore al Welfare, dopo aver minacciato lo strappo, ha detto sì al suo partito, l’Udc, e alla coalizione con Alleanza per Crema e Futuro e Libertà. Capolista è Martino Boschiroli, fra gli altri anche Rachele Ogliari, Clara Guercilena, Ciro Ancorotti. La lista civica che per ultima ha stretto l’alleanza con Agazzi, Crema Futura, è guidata da Alberto Massimiliano Scotti. Fra gli altri annovera Claudio Toderini, Sara Villa e Gian Vittorio Gallini.

IL CENTROSINISTRA

Ormai senza più segreti l’ampia coalizione che sostiene Stefania Bonaldi. Buongiorno Crema, la civica vicinissima al candidato sindaco, ha indicato al numero 1 dell’elenco Morena Saltini; posti di rilievo li occupano uno dei portavoce dei Pendolari Cremaschi, Stefano Begotti, Barbara Cremaschi, Davide Cazzoni e Cristina Fiorentini. Non passano inosservate le candidature di Sebastiano Guerini, ex segretario della Cisl, Fausto Lazzari e Giovanna Pamiro (del comitato di via Indipendenza). Agostino Alloni è invece il leader carismatico di Lavoro@Impresa, che candida anche Massimiliano Aschedamini, Corinne Campolo, Stefano Fagioli, Secondo Pozzali, Daniele Tarenzi e Enrico Tupone. Dai giovani di Crema Crea (con Jacopo Bassi capolista) alle civiche come Obiettivo Crema (Luigi Doldi, Cristina Colombo, Simone Chiodo), Crema Bene Comune (Walter Della Frera, Fabio Bergamaschi), al peso di partiti quali Pd (Matteo Piloni, Teresa Caso, Vincenzo Cappelli, Emilio Guerini, Felice Lopopolo, Claudio Bettinelli), Sel (Emanuele Coti Zelati, Anna Rozza, Alvaro Dellera), Rifondazione Comunista (Mario Lottaroli, Luigi Alberti, Beppe Bettenzoli) e Italia dei Valori (Alberto Caffi e Cesare Forte in cima alla lista), Bonaldi spera di avere un appoggio consistente.

OUTSIDERS

La Lega di Alberto Torazzi è sicuramente la più accreditata. Walter Longhino, Alberto Lupo Pasini e Felice Tosoni sono gli uomini sui quali punta il Carroccio. I Verdi sperano nel carisma di Gianemilio Ardigò per conservare la rappresentanza comunale. Al suo fianco molti giovani inseriti in rigoroso ordine alfabetico (Carlo Ardigò in testa, Alessandra Zilli in coda). A caccia di consensi anche i “grillini” del Movimento 5 Stelle (Christian Di Feo il capolista), Genitori Sempre di Buttino e Intraprendere per Crema che annovera in cima alla lista Fabio Bergamaschi e Veronica Bertesago.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti