Commenta

Ciclo integrato dell’acqua,
martedì la nuova assemblea dei sindaci
Lista Torchio: “No alla privatizzazione”

La Lista Torchio torna di nuovo ad affrontare un tema particolarmente sentito dai cittadini, quale quello dell’affidamento del servizio idrico e lo fa qualche giorno prima della nuova Assemblea dei Sindaci di martedì prossimo, chiamata a decidere definitivamente riguardo alle ipotesi di privatizzazione “tenacemente sostenute dal presidente della Provincia, in spregio allo straordinario risultato referendario”.

“IPOCRITA LE POSIZIONE DELLA LEGA”

Secondo la Lista Torchio “le ragioni della politica non sono sufficienti a giustificare le posizioni tartufesche della Lega”. Ma numerosi sindaci – si legge nel comunicato della Lista Torchio – sono più sensibili al volere della popolazione, che a quello della Giunta provinciale, a partire dai primi cittadini provenienti da liste civiche, i quali hanno fatto valere il loro ruolo autonomo rispettando il mandato popolare consacrato dall’esito referendario. “Lo hanno coraggiosamente fatto in occasione delle infuocate assemblee di dicembre – sostiene la Lista Torchio – e lo faranno ancora, mentre è di valore il pronunciamento fatto nei mesi scorsi da parte del Terzo Polo a Crema, come significativa la posizione di diversi amministratori dell’area moderata, a partire dal sindaco di Acquanegra”.

TEMERARIO INSISTERE

La lista che fa capo all’ex presidente della Provincia, punta l’indice “sull’incompatibilità di fatto del tandem di consulenza ATO Sciumè-Guffanti, che ha tolto alle professionalità presenti in Provincia e negli Enti locali ogni ruolo, ed ha espropriato le stesse professioni del territorio, asservendo Cremona ad un disegno di colonizzazione dell’impero formigoniano, che ormai presenta vistose smagliature nelle sue fila”.

Ricordando il documento prodotto dalle Diocesi di Cremona e di Crema, a favore dell’acqua pubblica, secondo la Lista Torchio, “sarebbe temerario insistere in una linea destinata a svendere le nostre presenze in un settore primario dei servizi pubblici, socialmente rilevante e vitale per la popolazione”. Tutto questo è ancora più importante di questi tempi “di fronte alla crescita del livello di attenzione della gente e della Magistratura attorno a vicende che riguardano il nostro territorio, dalla discarica di amianto di Cappella Cantone ad altre tuttora in corso”, conclude la Lista Torchio.

i. g.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti