Cronaca
Commenta

Rischia di investire
(ancora) i carabinieri,
tossico in arresto

Nel novembre del 2009, sorpreso a Crema a iniettarsi cocaina, era fuggito dal controllo dei carabinieri di Montodine arrivando addirittura a cercare di forzare un blocco travolgendo con la propria macchina l’auto dei militari (ferendoli). Era scattato l’arresto. Questa notte l’uomo, di 38 anni, a Camisano, è scappato ancora da un controllo dell’Arma e ha rischiato di travolgere altri due militari dopo aver gettato una siringa. L’intervento dei carabinieri del posto risale a qualche minuto dopo la mezzanotte e mezza. Dopo aver notato una Golf grigia ferma, con una persona a bordo intenta ad armeggiare con qualcosa, il personale in divisa è sceso dal veicolo di servizio e si è avvicinato per l’identificazione. Il 38enne però, come detto, ha buttato la siringa ed è scappato sfiorando i due carabinieri, che si trovavano ai lati dell’auto e sono stati costretti a scansarsi. Nonostante l’inseguimento la pattuglia ha perso l’auto in fuga nel centro di Offanengo. Dal numero di targa i militari sono risaliti all’abitazione del proprietario della macchina, una donna. Si sono presentati davanti a casa, sempre a Offanengo, e dopo aver bussato con insistenza hanno visto proprio il 38enne aprire la porta. Si tratta di un operaio, noto alle forze dell’ordine. E’ stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale. Dovrà rispondere anche di guida sotto l’effetto di stupefacenti. Oggi è prevista la direttissima.

Michele Ferro


© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti