Commenta

Rifiuti abbandonati in città,
“discarica” in via Edallo
La denuncia di Ardigò: “Manca un riferimento istituzionale”

Rifiuti abbandonati, televisori, addirittura materiale in eternit, non ci sta Gianemilio Ardigò, consigliere comunale dei Verdi – European Green Party.
“L’ultima segnalazione che ho ricevuto dai cittadini, risale a questa mattina, in via Edallo, ma rifiuti abbandonati sonon stati individuati anche lungo la ciclabile di Cremosano o sul Cresmiero – dice Ardigò – ho contattato SCS, che mi ha ringraziato per le segnalazioni, provvedendo a recuperare i rifiuti”.
Una situazione grave secondo Ardigò, perché tutte le persone che si impegnano per smaltire correttamente i rifiuti, vedono poi come persone con poco senso civico, si comportano in maniera totalmente scorretta, abbandonando rifiuti ai margini delle strade.

MANCA L’INFORMAZIONE

Secondo il consigliere Ardigò, in questi 5 anni è mancata un’intensa attività di informazione da parte dell’amministrazione, anche perché i cittadini devono comunque sostenere il costo degli interventi successivi, per recuperare e smaltire questi rifiuti abbandonati.
“Chiamano me – dice Ardigò – perché mi identificano, come il consigliere che ha un particolare interesse per i temi ambientali. Questo mi fa anche piacere – prosegue Ardigò – ma segnala anche una grave mancanza di questa amministrazione, quella di non aver previsto un assessorato all’ambiente, come punto di riferimento istituzionale.

PERICOLO AMIANTO

“In questi 5 anni, sono stati fatti interventi che ho proposto e sostenuto – dice Ardigò – come la possibilità di recuperare il Tetra Pak, o da ultimo, la ciclabile di San Carlo, ma ad esempio non ci sono state nuove piantumazioni e nelle rotonde di nuova costruzione, non si è trovato lo spazio per un po’ di verde, ma il mio più grande rammarico – conclude il consigliere comunale dei Verdi – è quello di aver visto sempre respinto un mio emendamento per la creazione di un fondo amianto di 100mila euro, con il risultato che, chi deve smaltire l’eternit e si trova ad avere piccoli appezzamenti di terreno, per evitare di sostenere il costo dello smaltimento, li lascia in quei terreni, così si ha danno sommato a danno”.

Ilario Grazioso

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti