Commenta

Inseguiti dall’Arma
causano incidente
Recuperato bottino

– Sopra, l’auto in fuga distrutta nel frontale

Il capitano Antonio Savino, comandante della compagnia di Crema

AGGIORNAMENTO – Una pattuglia dei carabinieri dell’aliquota radiomobile di Crema all’inseguimento di un’auto in fuga attorno alle 20 di ieri. I militari, impegnati in controlli, si trovavano posizionati alla rotatoria di Cà delle Mosche, e si sono messi in scia di un’Audi A6 grigia e molto sospetta, lanciata a tutta velocità dall’uomo al volante alla vista dell’Arma. L’Audi, sulle cui tracce si sono messe anche altre pattuglie, ha imboccato l’ex statale 235 verso Lodi. E’ all’altezza della rotonda di Crespiatica che è andata a scontrarsi frontalmente, dopo aver preso la stessa rotonda contromano, con una macchina proveniente dal Lodigiano, un’Audi A6 nera, provocando il lieve ferimento dell’uomo che si trovava a bordo (il quale stava rientrando a Crespiatica). Incidente spaventoso: auto distrutte. Poi la fuga dei malviventi (due dai tratti dell’Est, uno dei quali si è messo a correre dopo una violenta botta alla testa rimediata nel sinistro) attraverso i campi.

L’auto in fuga è  risultata essere stata portata via ad una donna nel corso di una rapina a Magenta risalente a febbraio (la signora era stata spintonata da un 25enne con fisico atletico). Sull’Audi grigia, che sembra essere stata utilizzata per una serie di furti, i militari hanno rinvenuto un ingente bottino, composto tra le altre cose da gioielli e telefoni cellulari. Parte della refurtiva proveniva da un’abitazione di Orzinuovi, depredata proprio ieri, verso le 19,15. Si tratta di una serie di oggetti tra cui monili in oro, due fucili calibro 12 regolarmente denunciati, 950 euro contenuti in una piccola cassaforte, un blocchetto di assegni e documenti personali, restituiti al proprietario, un impiegato 51enne. Ora i militari sono impegnati nella ricerca dei due banditi, anche attraverso eventuali tracce presenti sull’Audi A6 inseguita.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti