Cultura
Commenta1

Una passione color “Blu Oltremare”
Sergio Sarta racconta il mondo sommerso
con una mostra di fotografie mozzafiato

“Non posso rimanere troppo a lungo lontano dal mare”. Quello di Sergio Sarta è un amore antico, profondo come gli abissi che visita armato di sole bombole e macchina fotografica. Dopo trent’anni di attività il fotografo di origini milanesi organizza “Blu Oltremare”, mostra fotografica composta da una selezione di cento immagini mozzafiato catturate nel ventre dei mari di tutto il mondo.

“BLU OLTREMARE”

I suggestivi scatti rubati sotto il pelo dell’acqua sono esposti presso la Saletta Agello della Cittadella della Cultura fino al 12 marzo; in via eccezionale la mostra resterà aperta stasera fino alle 22.30. Le immagini sono organizzate per sezioni tematiche: si spazia dalla vegetazione marina alla scoperta di microscopici esseri nascosti tra coralli e anemoni e visibili solo grazie alle potentissime lenti del fotografo. Tra gli scatti catturati in profondità non possono mancare le immagini di relitti abitati da coralli multicolore e gli incontri ravvicinati con specie marine di ogni tipo, da un’enorme murena “addomesticata” a delfini, squali, otarie, spesso colti in attimi irripetibili.

IL MONDO SUB

Con il patrocinio del Comune di Crema e il sostegno della banca Sanpaolo non poteva mancare un’attenzione tutta particolare da parte del mondo del sub: la mostra nasce infatti grazie alla collaborazione del magazine SUB per cui il fotografo collabora e all’intesa con ASD Crema Sub, associazione locale che di fronte alla bellezza degli scatti non ha esitato ad appoggiare il progetto. LO conferma lo stesso rpesidente di CremaSub Andrea Carioni, che in occasione dell’ inaugurazione ha donato una targa di socio onorario al “collega” d’immersione.

LE SCUOLE

Oltre all’indubbio valore artistico delle foto, la mostra nasce con lo scopo di sensibilizzare i visitatori alla sensibilità e precarietà di un mondo tanto meraviglioso quanto precario: basta sfogliare una rivista specializzata per rendersi conto dei rischi che il cambiamento degli ecosistemi comporta, soprattutto per il delicato mondo marino. L’attenzione si rivolge quindi alle scuole e ai ragazzi, perché diventino depositari di un patrimonio a rischio di estinzione: per  loro verranno organizzate visite guidate speciali, associate a vere e proprie lezioni di biologia marina che possano aprire gli occhi sull’importanza della tutela nei confronti di un mondo vasto, sconosciuto e sempre più minacciato dall’azione dell’uomo.

SERGIO SARTA

Sergio Sarta racconta il mondo sommerso
con una mostra di fotografie mozzafiato" alt="" width="150" height="150" srcset="https://www.cremaoggi.it/app/uploads/2012/03/sarta-150x150.jpg 150w, https://www.cremaoggi.it/app/uploads/2012/03/sarta-100x100.jpg 100w" sizes="(max-width: 150px) 100vw, 150px" />
“Essere sub è una fortuna perché assisti ad uno spettacolo naturale unico e irripetibile, una meravigliosa scoperta di cui non sei mai sazio”. Più che una passione quella di Sergio Sarta è una ragione di vita, una nostalgia profonda che appena possibile lo riporta nel proprio elemento naturale, l’acqua. Con lui sempre la macchina fotografica, occhio magico che gli permette di cogliere istanti e dettagli per trasformarli in opere d’arte naturali, fatte di sola testimonianza.  Dopo aver vinto i principali concorsi di fotografia sia a livello nazionale che estero Sergio ha iniziato numerose collaborazioni con riviste specializzate e con l’Unione Eurpea, fino a pubblicare nel 1996 il suo primo libro di fotografie “Portfolio”. Anche dopo essersi immerso nelle acque di tutto il globo Sergio non si ferma. A chi domanda quale sia il mare preferito risponde con un sorriso: “Quello che devo ancora scoprire”, consapevole che lo spettacolo della natura si cela in qualsiasi anfratto sommerso, in attimi che aspettano solo di essere colti.

 

Lidia Gallanti

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti