Cultura
Commenta

Tornano i vespri dedicati alla Quaresima
il Centro G.Lucchi organizza sei sabati
al Santuario izanese della Pallavicina

Il viola del tempo di attesa, il rosa della quarta domenica di Quaresima, e il rosso della Domenica delle Palme: tre colori per guidare i fedeli attraverso i quaranta giorni che precedono la Pasqua, un cammino che il Centro diocesano G.Lucchi ripropone sotto forma di appuntamenti settimanali con i vespri, momenti liturgici arricchiti da esibizioni di gruppi corali cremaschi.

I VESPRI

I “Primi Vespri” domenicali infatti si celebrano al tramonto del sabato precedente: si tratta di una tradizione del nostro territorio che il Centro diocesano ha rimesso in auge, e che si terrà ogni sabato dal 25 febbraio al 31 marzo. L’appuntamento è sempre alle 16.30 presso il santuario della Pallavicina di Izano, per raggiungerlo è disponibile un servizio navetta con partenza dalla chiesa di San Bernardino a Crema che può essere prenotato entro il giovedì precedente i vespri chiamando il numero 335 1002126 o mandando un mail all’indirizzo centro lucchi@diocesidicrema.it.

IL CALENDARIO DELLE CELEBRAZIONI

La celebrazione dei vespri voluta dal parroco di Izano don Gianni Freri e dal liturgista Monsignor Angelo Lameri raccolgono l’eredità di una tradizione liturgica importante e sentita, in cui l’animazione musicale si fonde al rito religioso profumato d’incenso. Ogni appuntamento liturgico sarà animato da un coro diverso partire dal prossimo 25 febbraio con il gruppo vocale di Ombriano “Santa Maria Assunta” diretto da Gianantonio Rocco, cui seguirà il 3 marzo l’Akathistos di Sergnano con Francesco Darilli. Il 10 marzo è la volta del “San Cristoforo” di Ripalta Cremasca diretto da Gigi Meanti, con Davide Pagliari come cantore solista, mentre il 17 marzo toccherà al “San Biagio” di Izano diretto da Alberto Stabile. Gli ultimi due sabati prima di Pasqua saranno arricchiti da canti gregoriani proposti dal coro “Marinelli” guidato da Marco Marasco il 24 marzo, mentre il 31 marzo i vespri chiuderanno con il coro “Collegium Vocale” diretto da Giampietro Innocente, cantore e solista. Alle celebrazioni non mancheranno i Confratelli del Santissimo Sacramento della parrocchia dei Sabbioni, per l’occasione vestiti con i piviali, mantelli da liturgia utilizzati per le funzioni religiose che non siano la Santa Messa.

l.g.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA


 

© Riproduzione riservata
Commenti