Commenta

Bettinelli: “Bilancio, diversi assessori
del Pdl in disaccordo
con il sindaco Bruttomesso
Lui ha scelto senza consultarci”

Popolo della Libertà e Sindaco ai ferri corti. Il nodo del contendere è sempre dettato dalle diverse vedute sul bilancio e ad alimentare le polemiche stavolta sono alcune affermazioni rilasciate da Bruttomesso in un’intervista. “Non sono schiavo dei partiti” la frase che più di altre sembra non essere piaciuta al coordinatore comunale del Pdl.

“Sono dispiaciuto che il Sindaco di Crema si definisca allibito in seguito a quanto dichiarato dal PdL di Crema sulle linee guida del bilancio previsionale 2012, arrivando ad insinuare che l’indicazione del Coordinatore cittadino non rappresenti il pensiero della totalità del partito” replica Enzo Bettinelli.

“La posizione del PdL sul bilancio – prosegue -, sintetizzata nei due comunicati stampa del 6 e 21 Febbraio,  è stata concordata sia nel Coordinamento Comunale sia nel Gruppo Consiliare, dopo aver valutato una prima bozza proposta dalla Giunta e dopo che lo stesso Sindaco, fallito il tentativo di coinvolgere autonomamente i consiglieri comunali di maggioranza, aveva rimandato la questione ai partiti. Salvo poi ripensarci senza consultare nessuno della maggioranza!”. Bettinelli entra anche nel dettaglio e confida che la posizione degli assessori del Pdl non è stata così unanime. “Il tentativo di scaricare le colpe su un solo componente della Giunta – sottolinea il coordinatore alludendo a Beretta, il solo, secondo Bruttomesso, ad essersi dissociato – mi sembra poco elegante oltre che non vero. Il PdL di Crema si è sempre comportato in modo leale con il Sindaco, non ha mai preteso atti di sottomissione e quindi la definizione di non sentirsi schiavo dei partiti è totalmente fuori luogo”. Cosa accadrà ora che il bilancio previsionale passerà prima dalla commissione e poi in consiglio comunale? “Il PdL non condivide la scelta del sindaco ma opererà, come al solito, con il senso di responsabilità che lo contraddistingue – conclude Bettinelli -. Toccherà quindi al primo cittadino impegnarsi in prima persona per ottenere il consenso del Consiglio Comunale ma anche assumersi totalmente l’onere di questo bilancio”.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti