Commenta

Passi avanti per la Cittadella dell’Anziano
tra tre mesi l’accordo tornerà in Consiglio
per l’approvazione e la modifica del Pgt

La Cittadella dell’Anziano avanza. Durante la scorsa riunione di giunta è stato promosso l’accordo di programma tra Comune, Ospedale Maggiore e Fondazione Benefattori Cremaschi; una volta pubblicati gli atti verrà affidato l’incarico definitivo ad un tecnico per effettuare gli studi necessari a realizzare la struttura socio-sanitaria che sorgerà a fianco dell’ospedale. L’operazione richiederà circa tre mesi di tempo, dopodiché in estate ci sarà la necessità di stilare l’accordo definitivo che dovrà passare al vaglio del Consiglio Comunale, con il rispettivo adeguamento del Piano di Governo Territoriale per la zona interessata.

I PROSSIMI PASSI DELLA CITTADELLA

“Per ora è stato elaborato un progetto di massima” spiega il vicesindaco e assessore all’urbanistica Massimo Piazzi, “L’intento è quello di creare una struttura che possa contenere il nucleo funzionale di tutte le attività sociosanitarie legate alla Fondazione, permettendo un’economia di scala grazie alla vicinanza con l’Ospedale Maggiore”. Ancora nulla di certo invece per il centro diurno, cui la Fondazione Benefattori Cremaschi si dedicherà solo dopo aver portato a termine questa prima fase di progetto. Nessuna novità per gli edifici di via Kennedy, ad oggi sede dell’istituto di ricovero cremasco; secondo i progetti proposti l’intenzione è di riunire tutte le attività ora dislocate presso la nuova sede di via Macallé.

GLI ADEGUAMENTI REGIONALI

L’unico scoglio che desta qualche preoccupazione è dato dai nuovi adeguamenti in materia di sicurezza che la Regione sta varando in questi giorni: se dovessero entrare in vigore a progetto inoltrato comporterebbero un ulteriore intervento di circa 500 mila euro. “In questo caso si spera che vengano messi in deroga – conclude Piazzi – perché essendo già così avanti con l’operazione Cittadella un trasferimento del genere rischierebbe di rivelarsi pesante e inutile”:

l.g.

 

© Riproduzione riservata
Commenti