Spettacolo
Commenta1

“Sogno di una notte di mezza estate”
i comici di Zelig portano al San Domenico
uno Shakespeare in versione cabaret

Sentimenti, equivoci, destino e magia si intrecciano ancora una volta nella trama di “Sogno di una notte di mezza estate”, che sabato sera è tornato al Teatro San Domenico in una veste tutta nuova. Uno dei testi shakespeariani più amati viene riletto in chiave moderna e dato in pasto alla creatività di Gioele Dix, che pur rimanendo fedele al plot originale rimescola i canoni classici con la moderna comicità data da uno stile scanzonato che non scivola nel banale, per una sfida teatrale vinta a suon di applausi e risate.

SETTE COMICI PER IL BARDO

i comici di Zelig portano al San Domenico
uno Shakespeare in versione cabaret" alt="" width="150" height="150" srcset="https://www.cremaoggi.it/app/uploads/2012/02/zelig0-150x150.jpg 150w, https://www.cremaoggi.it/app/uploads/2012/02/zelig0-100x100.jpg 100w" sizes="(max-width: 150px) 100vw, 150px" />
Per i personaggi Gioele Dix ha scelto una compagnia di giovani comici presi in prestito dal palco di Zelig: così Corrado Nuzzo e Maria di Biase spogliano i panni della coppia “Cos’avrà voluto dire?” per vestire sia quelli degli sposi Ippolita e Lisandro che quelli dei tormentati Titania e Snug. Sempre dagli schermi tv si staccano Alessandro Betti e Maurizio Lastrico nel ruolo dei giovani amanti con Marta Zoboli e Katia Follesa, mentre condurre le fila della trama c’è l’incredibile voce di Petra Magoni,  buffo Puck pronto a mescolare le carte e fare il gioco creato dalla fantaasia del Bardo sulle note del contrabbasso di Ferruccio Spinetti, testimone silenzioso e talvolta importunato dagli esuberanti attori.

TRA SHAKESPEARE E CABARET

Sullo sfondo Il tutto si racchiude nella cornice delle strampalate performances della compagnia di attori ingaggiati per il matrimonio del duca di Atene e della regina delle Amazzoni, che presta il braccio a divertenti momenti di cabaret in pieno stile Zelig, che ridimensiona e sdrammatizza il testo shakespeariano.La coreografia riproduce uno scalcinato locale di nome “Dream” alle spalle del quale si estende la famigerata foresta fatta di qualche foglia e molta immaginazione, mentre i costumi, sobri per i ruoli canonici del dramma, assumono forme e tinte improbabili durante gli sketch di contorno.

l.g.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti