Scuole
Commenta

Studiare all’Artistico, arte
comunicazione e creatività
in un ambiente familiare

L’artistico è il punto di riferimento per i ragazzi che, oltre ad una adeguata preparazione culturale di base, ricercano quelle conoscenze e quelle capacità, in grado di consentire di trasformare creativamente la propria passione per il disegno, la bellezza, l’arte. “I ragazzi qui stanno bene perché c’è un bell’ambiente per la loro crescita, un ambiente familiare – dice Maria Luisa Carnini, da più di venti anni dirigente scolastico della scuola, che aggiunge – in questi anni, è cresciuto molto anche lo spessore culturale degli insegnati, grazie alla grande capacità di relazionarsi con i ragazzi, che le famiglie e gli stessi ragazzi ci riconoscono. Poi – afferma la preside – non importa se i ragazzi sappiano o meno disegnare, ma che abbiano l’entusiasmo del fare, oltre a quello del sapere”.

L’OFFERTA FORMATIVA
Nei primi due anni gli studenti affrontano un percorso formativo comune con le tradizionali discipline di base, dall’italiano all’inglese, storia, geografia, matematica, affrontate a livello liceale e affiancate dalle materie caratterizzanti l’indirizzo di studi. Nel triennio, composto da un secondo biennio e un quinto anno, si conferma la preparazione di tipo liceale, con l’introduzione di materie quali la filosofia, la fisica, la chimica.
Ovviamente, ci sono le materie artistiche e laboratoriali, che con il passare degli anni, vanno accentuando il loro monte ore e che si sviluppano nei diversi percorsi specialistici, ora diventati 6, dopo la recente riforma degli ordinamenti: arti figurative, grafico, architettura e ambiente, audiovisivo e multimediale, scenografia, design. Insomma, i ragazzi una volta individuato qual è il linguaggio creativo più adatto alle loro potenzialità, avranno la possibilità di scegliere in quali di questi sei indirizzi continuare il loro percorso di studio, consapevoli che i 6 indirizzi sono riconducibili a 3 aree principali, quella espressiva, quella comunicativa e quella progettuale.

LE NOVITÀ DELLA RIFORMA
L’indirizzo Audiovisivo e multimediale è la grande novità della recente riforma degli ordinamenti, anche se in realtà presso il Liceo Artistico Munari, già da anni si svolgono attività che utilizzano le forme tecnologiche più avanzate di comunicazione. In questo percorso, gli studenti approfondiscono la conoscenza dei linguaggi audiovisivi e multimediali, nei loro aspetti espressivi e comunicativi, riuscendo ad applicare i principi della percezione e della composizione dell’immagine.
L’altra novità della riforma è l’indirizzo Scenografia, che meglio specifica un apprendimento orientato al mondo del teatro, del cinema e della televisione. Gli elementi costitutivi dell’allestimento scenico e dello spettacolo, saranno al centro delle attività di questo percorso, che sarà orientato ad individuare le corrette procedure di approccio tecnico al rapporto spazio scenico-testo-regia.

ATTEGGIAMENTO CREATIVO
Federico Pagliarini (prufesur, come viene chiamato da tutti e come lui stesso ama definirsi), insieme alla collega Elisa Tagliati, si occupa tra l’altro di orientamento e dell’aspetto comunicazione della scuola e ci parla dei tanti progetti in essere: “Ogni indirizzo attivato in questa scuola, non è a sé stante, ma comunica con gli altri – precisa Pagliarini – e l’idea che caratterizza il nostro modo di fare scuola è l’atteggiamento creativo, nell’ambito di una scuola che è sempre un liceo, al di là dei singoli linguaggi”. I lavori che vengono realizzati all’interno della scuola, non restano chiusi nelle mura dell’edificio di via Piacenza: “Sono tante le iniziative con le quali si vuole coinvolge il territorio e l’apertura nei confronti dello stesso è massima, anzi – precisa Pagliarini – spesso dall’esterno ci vengono chiesti contributi di diverso tipo”.

IN ARRIVO LA WEB – TV
In una scuola come questa, l’aspetto della comunicazione è curato in ogni minimo particolare, con l’utilizzo di tutti gli strumenti che la tecnologia offre, a partire dai social network, ma la mission di quest’anno è quella di sviluppare una Web TV, che in realtà ha già un nome: TVA. “Nei prossimi mesi – riferiscono i proff. Pagliarini e Tagliati – verranno lanciati i primi prodotti e in futuro sarà gestita dall’indirizzo multimediale, in modo che possa essere utilizzata per comunicare i progetti realizzati da tutti gli indirizzi”.
TVA si ispirerà alla televisione degli anni ’50, una forma innovativa con un contenuto che trova nella televisione educativa e di intrattenimento degli anni ’50 del Novecento la sua ispirazione. Tra i progetti in essere, anche quello di realizzare delle clip video, mutuando quelle storiche dell’intervallo della Rai, sostituendo alle immagini delle città e dei luoghi di interesse, quelle del contesto scolastico, delle aule, delle persone che fanno la scuola. “L’idea – conclude la prof. Tagliati – è quella di creare un palinsesto che possa seguire l’orario scolastico, con contenuti aggiornati e l’obiettivo di fare didattica tramite la Web-Tv”. E in una scuola come questa, tutti sono coinvolti in questi progetti, anche le collaboratrici scolastiche, che si cimenteranno nel ruolo di annunciatrici.

UNA SCUOLA SIMPATICA
Riccardo Brazzoli frequenta la 5 D e lo scorso anno partecipando ad un concorso nazionale di design è stato tra i protagonisti, suscitando l’interesse da parte di tutti: “Sì – racconta Riccardo – nell’ambito del progetto Simple Way, ho presentato un bastone per non vedenti, con la caratteristica che nella parte inferiore, ci sono due sensori che rilevano gli ostacoli che, tramite delle vibrazioni trasmesse nel manico, consente al non vedente di orientarsi nella direzione giusta”. Riccardo dopo il diploma sa già cosa fare: “In seguito a questo progetto, avrò la possibilità di fare uno stage presso la sede di Bolzano della Thun, ed eventualmente entrare a far parte del loro staff”. Quanto agli anni di frequenza presso l’Artistico di Crema, per Riccardo “si tratta di una scuola che da un’ampia possibilità di espressione della propria creatività, oltre a consentire attraverso vari progetti di vedere quello che può essere un probabile lavoro”.
Andrea Sembiante invece frequenta la 4 B ed è l’autore del logo della Web TV: “TVA è un logo semplice, ma in generale per realizzare qualsiasi logo è importante mettere a fuoco ciò che si vuole comunicare”. Veronica Marconi e Valentina Regazzetti frequentano la 5 C e parlano di quello che agli occhi del visitatore può apparire come una semplice aula, dipinta di bianco: “Si tratta della white room – dicono le ragazze – un luogo che verrà riempito per ospitare performance di artisti, mostre o altre installazioni”. Per tutti, la soddisfazione per la scelta dell’Artistico fatta al termine della scuola media: “E’ una scuola che ti arricchisce come persone – dicono le ragazze – e nello stesso tempo è diversa rispetto alle altre. Qui c’è una sensibilità verso certe tematiche, che in altre scuole non c’è. E poi – concludono – è una scuola simpatica, si respira un clima familiare e c’è un rapporto diretto con i docenti”.

ESPRESSIONE ARTISTICA LIBERA, MA EDUCATA
“Questa è una scuola portata fin dai primi momenti, a portare avanti l´espressione critica e creativa – dice la dirigente scolastica Carnini – che si esprime in tutti gli ambiti, dalla grafica alla progettazione. E questo è il modo di pensare dei nostri ragazzi, un nostro valore – conclude la Carnini – quello di dare la possibilità dell’espressione libera, ma educata. E la volontà – aggiunge la preside – di non essere conservatori di un’arte solo italiana, ma di voler allargare gli orizzonti”.
E per concludere, lo slogan della scuola e quel riferimento alla lettera A: “Sì dice – il prof. Pagliarini, citando le tre A – A come arte, attività (quella dei laboratori per la realizzazione dei vari progetti) e alunni, i quali attraverso l’attività artistica, realizzano dei lavori che vengono proposti all’esterno”. A tal proposito, si pensi ad esempio all’intervento di riqualificazione della piazza di Mozzanica, realizzato l’anno scorso.

Ilario Grazioso

 

Liceo Artistico Statale “B. Munari” – Crema
Via Piacenza – Crema
Tel.: 0373.83458
Web: www.artisticomunari.it
www.live-onweb.com/artisticomunari
www.faceboo.com/liceoartisticomunari
www.youtube.com/artisticomunari
www.flickr.com/artisticomunari

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti