Commenta

“I rumori di Koroktov” al San Domenico
l’artista Anita si racconta con la videoarte
attraverso un viaggio di dieci filmati

Attraverso il rumore l’artista Anita Koroktov studia la vita come flusso pulsante, lo stesso che sente oltre la propria pelle e che a ritmo dei battiti cardiaci segna lo scorrere del tempo. L’artista racconta ciò che la circonda attraverso i rumori che percepisce, in una sperimentazione che sovverte la tradizionale concezione estetica e lascia il posto a suggestioni inusuali e grottesche; Anita si finge antropologa, e sonda l’animo umano attraverso la pellicola cinematografica, sulla quale imprime sentimenti ed emozioni che spaziano dalla passione alla preoccupazione, o esprimono le ossessionanti manie che lei stessa sente e racconta davanti all’obiettivo della telecamera. La mostra verrà inaugurata sabato 11 febbraio alle ore 17 presso gli spazi del San Domenico dove rimarrà fino al 26 febbraio; sarà visitabile dal martedì al sabato dalle 16 alle 19, e la domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19.

ANITA KOROKTOV

Anita Koroktov è un talento intenso e controverso, che trova la sua massima espressione attraverso la video arte. La sua formazione inizia al teatro Carcano di Milano dove studia recitazione, per poi diventare attrice all’Actor’s Center di Roma. Dopo una laurea in antropologia a Bologna e un master in cinematografia a Londra, l’artista trevigliese inizia una carriera come video artista e partecipa a svariati festival, oltre ad esporre in mostre collettive in diversi contesti artistici nazionali.

l.g.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti