Feste e turismo
Commenta

Il gelo non ferma
il Gran Carnevale Cremasco
Spettacolo e divertimento
ma pubblico poco numeroso

La neve ghiacciata caduta anche sul cremasco in mattinata aveva fatto temere il peggio. Ma ce l’hanno fatta i temerari del Gran Carnevale Cremasco a partire con l’edizione 2012 della manifestazione. La prima sfilata è andata in scena in un freddo polare appena mitigato da qualche raggio di sole.

SPETTACOLO PER POCHI

Un bello spettacolo sul circuito di piazza Giovanni XXIII, un po’ meno all’esterno. Le condizioni davvero pesanti del tempo hanno tenuto il pubblico distante. Poche centinaia di presenti, contro le diverse migliaia che il circuito può ospitare nella domeniche più fortunate. Ma il Comitato è fiducioso, ci sono altre due domeniche per recuperare. Per intanto è stata una prima vetrina per i cinque carri in gara per la vittoria finale. Il far-west all’italiana degli Amici, animato dal gruppo delle Quade; il mare è un tesoro dei Barabet; la Macelleria sociale dei Pantelù, satira politica sulle banche e sulla crisi; il carro Beat… una storia infinita dei Barabet, con tanto di dj a bordo a ricordare la storia del locale cremasco; Ma quali tempi moderni degli Amici, animato dalla scuola di danza di Chieve. A completare la sfilata di apertura un bel po’ di ospiti, anche se ci sono state un paio di defezioni. Il colore del gruppo folcloristica Boliviano, i Pirati dei Caraibi di Urago d’Oglio, i Pinguini danzanti della scuola di danza di Izano, la Commedia dell’arte della biblioteca di Ricengo, Kong fu Panda e Antica Roma da Formigara, i marziani di Castelvisconti. A questo vanno aggiunte le tre band che suonavano dal vivo sui carri. I Ciapa la Cioca di Paolo Losco sul carro del Gaget, gli Avionic di Alessandro Iride e gli Yust Doht in maschera da V per vendetta.

GAGET

E a proposito di Gaget, una delle novità dell’anno è stata l’arrivo di Gianluca Savoldi, agghindato con la maschera cremasca, ad affiancare Marco Gipponi sul palco per la cronaca in diretta dalla manifestazione. La sfilata è stata anche l’esordio di un emozionato Eugenio Pisati come presidente del Comitato Carnevale, in sostituzione di Giancarlo Murelli che dopo 25 anni si fa da parte e assume il ruolo di presidente onorario. Domenica prossima, tempo polare permettendo, si bissa.

Bruno Mattei


 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti