Ultim'ora
Commenta

Dopo il summit di maggioranza
Le posizioni non cambiano
Mercoledì nuovo incontro
e poi dovrebbe partire l’iter del bilancio

Prosegue la discussione sul documento definitivo riguardante i provvedimenti da adottare per far quadrare il bilancio comunale, alla luce delle note difficoltà imposte tra l’altro dai tagli ai trasferimenti dello Stato.
Nel corso dell’ultima riunione di giunta, a far rumore, era stata la posizione dell’assessore al Commercio e allo Sport, Maurizio Borghetti il quale si era espresso in maniera negativa, rispetto alla decisione di procedere all’aumento dell’addizionale Irpef a coloro che possiedono un reddito lordo superiore ai 28mila 500 euro e l’Imu sulla seconda casa (+1,6 per mille), provvedimenti  penalizzanti per le famiglie cremasche, in una situazione economica già difficile.
Nella lunga riunione di maggioranza di ieri, l’assessore ha motivato la propria posizione e tra una settimana si dovrebbe avere il documento definitivo.

EVITARE DI INGESSARE LA CITTA’

Il sindaco Bruno Bruttomesso commentando l’esito della riunione di maggioranza di ieri dice: “Ai presenti abbiamo consegnato tutta la documentazione, in maniera da consentire gli approfondimenti e le valutazioni del caso. Mercoledì prossimo – dice Bruttomesso – dovremmo avere le indicazioni generali per la giunta, che serviranno a far partire l’iter previsto per il bilancio”.
Quanto alle divergenze emerse nel corso della riunione di giunta, il sindaco commenta: “Se si taglia tutto, anche ciò che non è obbligatorio, ma è necessario per la città, allora si rischia di ingessare la città e questo non è corretto, anche nei confronti di chi viene dopo di noi. Il tentativo – conclude il sindaco – è quello di evitare di intervenire sull’Irpef, ma la situazione è drammatica”.

CONTENIMENTO PIU’ RIGOROSO DELLE SPESE

La discussione in atto nella maggioranza, per l’assessore Borghetti, rientra nella normale dialettica: “In giunta ci sono state divergenze, e ieri ho spiegato la mia posizione e sono stato ascoltato. Ai consiglieri di maggioranza è stato consegnato il documento affinchè sia da loro valutato – dice Borghetti – ma secondo me ci sono i margini per cercare di arrivare a ridurre la pressione fiscale nei confronti dei cittadini, motivo per cui non ho approvato la bozza presentata in giunta. Quello che noi andiamo a tagliare non sono gli sprechi – dice l’assessore – perché Crema è un comune che ha un numero di dipendenti al di sotto della media e paga entro i termini le ditte che lavorano per il comune, ma nella bozza della giunta si è andato oltre, rispetto al contenimento rigoroso della spesa, che i tecnici avevano inizialmente previsto. Allora occorre spendere un po’ meno, senza intervenire sull’Irpef e magari arrivare ad un aumento più contenuto dell’Imu sulla seconda casa”.

OBIETTIVO CREMA: “VALUTEREMO CON ATTENZIONE”

Ci sono punti di vista differenti secondo il capogruppo di Obiettivo Crema, Luigi Doldi: “Tagliare drasticamente o tagliare i servizi. Valuteremo con attenzione il documento che ci è stato consegnato ieri e poi faremo le nostre valutazioni. Non è semplice trovare un equilibrio – commenta Doldi – tuttavia se guardiamo alle opere che non paiono essere indispensabili, allora lì si può tagliare. Certo, non per l’ordinaria amministrazione, ma se penso alla ciclabile di Offanengo, quella, visto il momento, potrebbe essere rimandata. Per noi – conclude Doldi – è possibile tagliare ciò che non è indispensabile, magari escludendo l’Irpef, soluzione più adeguata per i cittadini”.

LA LEGA NON SI SBILANCIA

Posizione di attesa per la Lega, che non intende sbilanciarsi su quanto sta avvenendo nelle fila della maggioranza: “Aspetto di vedere i documenti ufficali prima di fare qualsiasi dichiarazione – afferma il consigliere comunale Matteo Soccini – ma avendo chiuso a dicembre il bilancio provinciale, sono consapevole delle difficoltà, aumentate dal fatto che le leggi e le manovre del governo continuano a cambiare. Ma non voglio parlare sulle ipotesi – conclude Soccini – quando avremo i documenti, ci esprimeremo anche noi”.

i.g.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti