Commenta

Brucia l’asilo di Offanengo,
Corlazzoli chiede le certificazioni
e interroga il Consiglio comunale

– Nella foto il consigliere del gruppo “Quelli che Offanengo” Alex Corlazzoli.


Offanengo colpito al cuore dopo l’incendio di lunedì sera. Anche il consigliere comunale del gruppo “Quelli che Offanengo” Alex Corlazzoli esprime il proprio dispiacere per il destino dell’asilo distrutto dalle fiamme: “E’ stata una casualità e una fortuna che l’incendio sia avvenuto quando non c’erano i bambini – spiega Corlazzoli – Son certo che la professionalità e la passione di chi opera nella struttura avrebbero messo in atto un’evacuazione utile e pronta, ma è necessario comprendere come mai le fiamme si siano potute propagare con tanta velocità distruggendo l’intero edificio”.

NORME DI SICUREZZA E CERTIFICAZIONI

Da qui l’intenzione di scoprire se le pratiche di adeguamento alle nuove norme di sicurezza previste fossero già attive, oltre alla raccolta di tutti i documenti necessari a confermare la buona condizione della struttura e le rispettive responsabilità. A partire da ottobre 2011 infatti gli asili nido che ospitano più di 30 persone sono stati inclusi nella lista di attività che per legge devono essere sottoposte a controlli di prevenzione incendi; la norma prevede l’adeguamento delle strutture entro un anno, rispettando le stesse modalità previste per le scuole. Tra i documenti da recuperare figurano il certificato prevenzione incendi, le verifiche di adeguatezza degli impianti elettrici, la relazione del responsabile di sicurezza e le certificazioni igienico-sanitarie della struttura. Al faldone Corlazzoli aggiungerà le relazioni stilate da Carabinieri e Vigili del Fuoco intervenuti la scorsa notte per mettere in sicurezza la zona e liberare l’asilo dalle fiamme.

L’INTERROGAZIONE

La scrupolosa analisi proposta da Corlazzoli nasce da una situazione ben precisa: “Al Nord Italia oltre il 40% delle scuole non ha il certificato di agibilità, solo il 37, 34% ha il certificato di prevenzione incendi”, spiega Corlazzoli, che vuole far luce sull’effettiva regolarità della struttura; a questo proposito il consigliere presenterà un’apposita interrogazione e chiederà la convocazione del Consiglio comunale di Offanengo.

l.g.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti