Commenta

“La Patria chiamò”
La storia dell’alpino Barisonzi
domenica in Sala da Cemmo

Lui è un giovane alpino paralizzato da un attentato, lei una scrittrice trentenne in cerca di una storia da raccontare; nasce “La Patria chiamò”, un libro che raccoglie i racconti di vita di Luca Barisonzi, penna nera italiana rimasta vittima di un attentato in Afghanistan che gli è costato la paralisi, ma non ha ucciso la voglia di vivere e credere nei propri ideali. Una storia commovente e vera che la curatrice Paola Chiesa ha raccolto e trasformato in un’opera traboccante di emozioni; dopo la presentazione milanese presso il Circolo Ufficiali “La Patria chiamò” verrà presentato anche a Crema con una presentazione costruita ad hoc, in cui non mancheranno ospiti e sorprese.

LA PRESENTAZIONE

“L’Italia chiamò” approda a Crema il 5 febbraio: la presentazione si terrà alle 15 in sala Pietro da Cemmo presso il Museo Civico cremasco, evento organizzato dal Centro culturale diocesano G.Lucchi e dal gruppo Alpini di Crema in collaborazione con il Comune. Interverranno l’assessore alla cultura Paolo Mariani e il referente del Centro Lucchi Marcello Palmieri, cui seguiranno le parole di don Lionello Torosani in rappresentanza dei cappellani militari. L’opera verrà presentata dalla curatrice Paola Chiesa per poi passare la parola a Carlo Fracassi, presidente della sezione Alpini di Cremona; ad allietare il pomeriggio ci penserà il “Coro Ana” di Cremona con i canti alpini cari alla tradizione del corpo militare. L’evento è aperto a tutta la cittadinanza, per le penne nere in visita a Crema sarà inoltre possibile organizzare visite guidate nel centro storico, con una tappa speciale presso il Sacrario del Quartierone per rendere omaggio alla “Madonna del Don” recentemente donata dagli Alpini alla Diocesi cremasca.

UNA CASA PER LUCA

Questa sarà l’occasione per partecipare alla raccolta di offerte “Una casa per Luca”, che devolverà il ricavato alla costruzione di un’abitazione che possa rendere migliore la vita del giovane alpino paralizzato. Per i presenti sarà inoltre possibile acquistare libro e cd de “Il carillon dell’Unità d’Italia”, dedicati alle tredici campane installate presso il Sacrario del Quartierone in occasione dei centocinquant’anni tricolore celebrati nel 2011.

l. g.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti