Cronaca
Commenta

Furgoni sottoposti a confisca
riciclati con targhe bulgare
Due sequestri in pochi giorni
effettuati dai carabinieri

Uso clandestino di furgoni spesso utilizzati per compiere attività illecite. È il nuovo filone d’indagine che i Carabinieri della Compagnia di Crema, agli ordini del capitano Antonio Savino, si trovano a dover fronteggiare. Due gli episodi segnalati in pochi giorni: il primo in concomitanza con l’arresto di tre romeni, eseguito dai militari di Bagnolo, colti sul fatto mentre tentavano di rubare metalli a Ripalta Vecchia; il secondo, invece, risale a lunedì pomeriggio, quando gli uomini del Radiomobile hanno bloccato un Ducato con targa bulgara a Sergnano. A bordo una coppia di romeni 26enni risultati senza fissa dimora. In entrambi i casi è emerso che le targhe utilizzate, sempre provenienti dalla Bulgaria e ottenute attraverso espedienti, non sono riconducibili ai possessori e servono per mascherare mezzi che di fatto non potrebbero circolare. Circostanza che rende complessi gli accertamenti – i mezzi in questione sono risultati immatricolati in Italia e soggetti a provvedimenti di sequestro o confisca – e di fatto inapplicabili le sanzioni amministrative.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti