Commenta

Scuole, appello di Vailati e Zelioli
alla Provincia: rimandare
gli accorpamenti al 2013

E’ ancora presto per parlare di verticalizzazione delle scuole. Il decreto sull’accorpamento dei plessi proposto lo scorso luglio torna a far discutere, e al malcontento espresso da alcuni istituti del territorio si aggiungono tempistiche troppo strette. La deadline è stata fissata per il 12 gennaio 2012, data in cui le varie amministrazioni comunali dovrebbero stabilire come accorpare gli istituti di competenza; un’impresa impossibile secondo i consiglieri provinciali del Partito Democratico Eugenio Vailati e Rossella Zelioli, che chiedono un rinvio al presidente della Provincia Massimiliano Salini e al suo assessore all’Istruzione Paola Orini.

L’OBIETTIVO

L’obiettivo della Conferenza delle Regioni è verticalizzare le scuole entro il 2014, ma per raggiungere la condivisione territoriale serve tempo, almeno un anno. “Crediamo sia utile soprattutto per evitare forzature, fraintendimenti e soprattutto per permettere di svolgere al meglio la realizzazione degli istituti comprensivi che deve fare i conti con la complessità dell’operazione, ed assicurare la continuità educativa, curricolare, organizzativa, didattica e amministrativa alle scuole coinvolte”, così si legge dal comunicato diffuso dai consiglieri provinciali. La proposta “dettata più che altro dal buon senso” è di riparlarne nel 2013, e lasciare a scuole e istituzioni il tempo necessario per fare un buon lavoro.

 

© Riproduzione riservata
Commenti