Commenta

Capetti: “Vorrei fare il sindaco di Crema”
Amministrative, l’assessore in campo
Scissione in casa Udc?

– nella foto un incontro di Comunità Sociale Cremasca; al centro del tavolo Luciano Capetti

 

Luciano in campo. Capetti rompe gli indugi e lancia la sua candidatura alla poltrona di sindaco ora occupata da Bruttomesso. L’assessore ai Servizi Sociali è il quarto candidato sindaco ufficiale dopo Stefania Bonaldi (Pd), Gianemilio Ardigò (Verdi) e Alessandro Boldi (Movimento Cinque Stelle).

RESSA PER UNA POLTRONA

Il quinto potrebbe essere l’uomo della Lega Nord, che ancora ieri, nel corso di un incontro fra il segretario Angelo Barbati e il vicesindaco Massimo Piazzi, ha ribadito l’intenzione di tentare l’avventura in solitaria. Un conteggio destinato ad aumentare in attesa di conoscere le strategie di Popolo della Libertà e Terzo Polo.

CANDIDATURA NON A SORPRESA

Da tempo, in città, si attendevano le mosse di Capetti. Lo stesso assessore, nel corso di una cena prenatalizia, aveva anticipato il ‘botto’ a sorpresa. Che è arrivato in anticipo  su veglione di San Silvestro. “Sto lavorando per presentare la mia candidatura – rompe gli indugi Capetti, che è anche presidente di Comunità Sociale -. L’area di riferimento è il mondo cattolico. Con me ci saranno alcuni amici che appartengono al mondo dell’imprenditoria, del commercio e delle associazioni di volontariato”.

IL RAPPORTO CON L’UDC E I NUOVI ALLEATI

Siginifica che Capetti sta per abbandonare l’Udc? “L’Udc è il partito delle autonomie – la sibillina replica dell’assessore -. Dunque lascio campo libero al segretario Martino Boschiroli, che ha vinto un congresso dove erano presenti in otto. Potevano starci tutti in due cabine del telefono”. E i rapporti futuri con il Popolo della LIberta? “Sono amici – dice -, restano gli interlocutori privilegiati. Ma è chiaro che rispetto al passato qualcosa va cambiato. L’attuale esperienza amministrativa ha mostrato qualche limite”.

SINDACO POCO AIUTATO DALLA COALIZIONE

Di chi le responsabilità? “Diciamo – conclude Capetti -, che il sindaco Bruttomesso è una bravissima e onestissima persona, ma non è un politico. E in questi anni non ha avuto supporto adeguato dalla sua squadra e dalla coalizione. Ma direi soprattutto dalla coalizione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti