Commenta

New.co, il vertice dei perplessi
Scontenti del centrodestra
e minoranze a confronto
Intanto il Pdl cerca di ricucire
con la Lega Nord

La partita sulla New.Co entra nella fase calda. È infatti in calendario nelle prossime ore un vertice fra alcune forze di centrodestra presenti in consiglio comunale per discutere l’argomento all’ordine del giorno dell’ultima assise e rinviato al termine di una riunione di maggioranza.

IL TAVOLO DEI PERPLESSI

Al tavolo, promosso da Obiettivo Crema e Lega Nord, sono state invitate anche le forze di minoranza (assente giustificato Gianni Risari) e alcuni consiglieri di centrodestra non allineati con le tesi della maggioranza. La partita sul mandato da affidare a Scrp per procedere con il varo della società mista che avrà il compito di occuparsi dello smaltimento dei rifiuti, in città è dunque tutt’altro che chiusa. Anche nei giorni scorsi, nonostante la pausa natalizia, i contatti fra le forze politiche sono stati fittissimi.

IL POPOLO DELLA LIBERTA’ RESTERA’ SOLO?

Da una parte il Popolo della Libertà, schierato apertamente per dare vita ad una struttura operativa cosiddetta ‘pesante’, così come delineato anche nella delibera già approvata in diversi comuni del territorio (guidati in alcuni casi dal centrosinistra come Madignano, Castel Gabbiano, Moscazzano, Quintano e Chieve), dall’altra le resistenze di chi non giudica positivamente la proposta così come formulata. A tirare le fila del fronte del No, nel centrodestra è il segretario della Lega Nord Angelo Barbati, che nei giorni scorsi ha avuto contatti diretti anche con il coordinatore del Pd Matteo Piloni e con il presidente di Scs Gestioni, Bruno Garatti. Barbati sulla sua strada sta trovando anche altri alleati. Il borsino degli scontenti, infatti, al momento attuale pare contemplare, oltre ai 12 consiglieri comunali del centrosinistra, il capogruppo del Carroccio Felice Tosoni, due esponenti del Pdl (Fulvio Lorenzetti e Federico Pesadori) e Luigi Doldi di Obiettivo Crema. Molto incerta anche la posizione di Martino Boschiroli (Udc), fra i protagonisti nella riunione di maggioranza che si tenne prima del consiglio comunale del 20 dicembre, con la sua richiesta di rinvio dell’oggetto all’ordine del giorno sulla New.Co, richiesta poi recepita. La sorte della New.Co, dunque, è appesa ad un filo. Se il consiglio comunale di Crema, infatti, dovesse bocciare la proposta, l’intera strategia messa in campo finora andrebbe ripensata. Con il ricoinvolgimento anche di quei Comuni che già hanno dato il loro via libera all’operazione.

DIPLOMAZIE IN AZIONE: PRANZO DI LAVORO FRA BARBATI E PIAZZI

Ma che le diplomazie stiano trattando pancia a terra per trovare un accordo condiviso lo dimostrerebbe anche il pranzo di lavoro che si è tenuto in un noto ristorante di Pandino fra il vicesindaco Massimo Piazzi e lo stesso segretario provinciale leghista Barbati. Voci di corridoio riferiscono che al tavolo si è discusso più di campagna elettorale che di altro, con la Lega che ha manifestato ancora una volta l’intenzione di correre da sola alle prossime amministrative. I tentativi di ricucire lo strappo, però, pare non siano ancora terminati.

© Riproduzione riservata
Commenti