Cronaca
Commenta

Provano la fuga con auto rubata,
veicolo recuperato dall’Arma

– I carabinieri con l’Audi recuperata

 

Il capitano Antonio Savino, comandante della compagnia di Crema

Nell’ambito del contrasto ai furti in abitazione, commessi all’imbrunire da soggetti solitamente provenienti da altre province, i carabinieri della Radiomobile di Crema, durante uno specifico servizio disposto dalla compagnia guidata dal capitano Antonio Savino, sono riusciti a recuperare un’Audi A6 3000 rubata. Nel tardo pomeriggio di oggi i militari, lungo la strada per Cassano, a Rivolta d’Adda, hanno scorto il potente veicolo, con due giovani a bordo. I due, alla vista dei carabinieri, hanno cercato di eludere il controllo scappando, ma una pattuglia della stazione di Rivolta, all’altezza della rotonda, ha sbarrato la strada. A folle velocità i fuggitivi, mettendo a rischio la sicurezza stradale, hanno schivato, contromano, l’auto dell’Arma. E sono finiti fuori strada. L’uomo al volante ha cercato di ritornare sull’asfalto, ma non riuscendoci ha fermato il mezzo in bilico.

Entrambi, sui 25-30 anni, snelli e agili (uno calvo), hanno approfittato del breve vantaggio per far perdere le proprie tracce, con l’aiuto dell’oscurità che ha impedito la cattura circondando la zone mentre sopraggiungevano altre pattuglie. Il veicolo risulta rubato in un colpo notturno messo a segno in un’abitazione della provincia di Ferrara, a fine ottobre, mentre i proprietari dormivano. Dalla proprietà, di un imprenditore che installa impianti in cantieri edili, è stata portata via anche una pistola, non ritrovata sul veicolo finito oggi sotto sequestro.

Le indagini sono in corso. I carabinieri della prima pattuglia osserveranno le foto segnaletiche dei pregiudicati che frequentano sia la provincia di Ferrara che il Cremasco, affinando le ricerche. Le investigazioni non si presentano agevoli, ma è certo che i due soggetti, collegabili ai responsabili di furti in abitazione, hanno raggiunto la zona per commettere nuovi reati. Oltre al recupero dell’Audi il pericolo è stato scongiurato e si sono create le premesse per l’individuazione dei responsabili, grazie alle tracce acquisite poche ore fa.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti