Commenta

Pena residua
per traffico di droga,
arrestato dall’Arma

E’ rientrato in Italia illegalmente dopo l’espulsione e ora lo attende una pena residua di un’anno e mezzo per traffico di droga. A bloccare G.K. (alias G.F.), albanese 25enne senza fissa dimora, pregiudicato, clandestino e nullafacente, sono stati i carabinieri dell’aliquota radiomobile. I militari lo hanno arrestato nel primo pomeriggio di oggi (martedì) dopo un controllo eseguito a Spino d’Adda. Ai danni del ragazzo un provvedimento restrittivo della procura di Torino relativo, come detto, a una pena residua di un anno, sei mesi e 17 giorni (alla quale si aggiunge una multa da 12mila euro) per una condanna del 2008. Espulso nel dicembre 2009 in sostituzione della pena (con accompagnamento alla frontiera di Milano Malpensa), è rientrato in Italia ed è scattato il ripristino della misura. Ora si trova in carcere a Cremona.

PORTO ABUSIVO DI COLTELLO

La presenza di un coltello a serramanico nell’auto di un 28enne di Soresina (F.G.) è stata invece scoperta dai carabinieri di Castelleone tra lunedì e martedì, proprio a Castelleone, attorno a mezzanotte e mezza. L’uomo, un impiegato, è stato deferito in stato di libertà alla procura di Cremona. Coltello sequestrato.

 

© Riproduzione riservata
Commenti