Cronaca
Commenta

Venerdì torna
la Notte del Classico

All’ottava edizione della Notte Nazionale del Liceo Classico (NNLC) in programma venerdì, si consolida la partecipazione del Racchetti-da Vinci di Crema, alla sua quarta partecipazione, di nuovo in presenza dopo le ultime due edizioni complicate ed a distanza, causa pandemia. Nata da un’idea di Rocco Schembra, docente di latino e greco ad Acireale, la manifestazione quest’anno coinvolge su tutto il territorio nazionale 328 licei, impegnando gli studenti in svariate performance. Sul sito della scuola diretta da Claudio Venturelli è disponibile ( https://www.racchettidavinci.edu.it/redattore/notte-nazionale-del-liceo-classico-2022 ) il programma articolato e ricco, pensato da studenti e docenti della sede di via Palmieri, che accoglieranno i cittadini a partire dalle 18, introducendo adulti e curiosi ai rudimenti delle lingue antiche. Undici gli appuntamenti: dai libri, alle rappresentazioni ispirate al mondo classico, che si ripeteranno più volte nel corso della serata, e coinvolgeranno gli studenti del classico, nei diversi spazi della struttura di via Palmieri, compreso il cortile, se il tempo lo permetterà.

Ci saranno anche spazi dedicati per l’Associazione Italiana di Cultura Classica (AICC), di cui è referente la prof.ssa Daniela Martinotti, il giornalino d’Istituto “Euridice”, curato dalle docenti Barbara Pagliari e Ilaria Tresoldi, il progetto del “Bosco del Liceo”, curato dalla prof.ssa Lucia Valsecchi.

Al Racchetti, l’avvio della NNLC è fissato per le 18, con la drammatizzazione degli elaborati vincitori del Concorso nazionale e l’esibizione musicale a cura del Laboratorio musicale diretto dal maestro Davide Pandini. A seguire, i saluti istituzionali, da parte del preside Claudio Venturelli, della sindaca Stefania Bonaldi e di Pietro Martini, presidente dell’Associazione ex-alunni Liceo-ginnasio “A. Racchetti”. L’evento di venerdì segna anche l’avvio dei festeggiamenti per i 60 anni del Racchetti, considerando che nel 1962 si completò a Crema l’attivazione dell’intero ciclo liceale classico, fino ad allora caratterizzato solo dal biennio. Al termine delle rappresentazioni proposte dalle varie classi, il programma prevede uno spazio musicale, con i ragazzi che si esibiranno suonando diversi strumenti: arpa, clarinetto, flauto, pianoforte, violino, per concludere con il concerto rock, della band Naamloos.

La locandina dell’evento nazionale, realizzata da Valeria Sanfilippo docente del Liceo Spedalieri di Catania, ha come ispirazione la natura, quale forza suprema rigeneratrice che pervade ogni cosa e che sotto forma di figura femminile, al posto della testa ha un enorme libro aperto, ed al posto del cuore, una finestra aperta senza barriere, di particolare significato visti i venti di guerra presenti anche in Europa. Ed in questo contesto, si inserisce anche una delle rappresentazioni proposte dalle classi, “Straniero in terra straniera”, che consentirà ai visitatori di scoprire attraverso un viaggio nel passato del mondo greco, il valore e l’importanza dell’ospitalità.

Lo sforzo organizzativo del Racchetti quest’anno ha visto il coordinamento della prof.ssa Alessandra Tamburrino e la partecipazione delle colleghe Simona Della Torre, Viviana Gambino, Sara Locatelli, Alessandra Lorenzini, Barbara Rocca, Ilaria Tresoldi, Lucia Valsecchi, Daniela Martinotti.

Ilario Grazioso

© Riproduzione riservata
Commenti